Post in evidenza

La mappa della biodiversità del territorio

venerdì 9 dicembre 2016

Realizzazione di un playground del Coni all'interno del Parco Alessandrino/Tor Tre Teste

Il WWF Lazio - Gruppo Attivo Pigneto-Prenestino condivide la proposta avanzata dal Coordinamento Popolare in Difesa del Parco Alessandrino e dai cittadini con la quale si chiede la delocalizzazione del playground del Coni in costruzione all'interno della cosiddetta "vallata" del Parco Alessandrino (Tor Tre Teste), nel Municipio Roma V. Condividiamo i contenuti della mozione votata all'unanimità dal Consiglio Municipale con medesimo odg, con la quale si chiede al Presidente del Municipio la sospensione dei lavori e lo spostamento del cantiere in sede più idonea, indicata con precisione.
Riteniamo la "vallata" importante sia dal punto di vista paesaggistico che come corridoio ecologico, passaggio di continuità naturale dove insiste una elevata biodiversità e dove avifauna, fauna e flora rappresentano indubbi valori da tutelare. Inoltre la vicinanza di un'area umida (il laghetto Palatucci) a poche centinaia di metri concorre a creare un habitat di primaria importanza, dove specie di avifauna di passo spesso si fermano durante le migrazioni, e dove alcune specie svernano mentre altre nidificano. Tale habitat è a tutti gli effetti un ecosistema complesso, da valorizzare e preservare, soprattutto da quegli interventi che inevitabilmente creano squilibri con ripercussioni su tutta l'area del parco.
Ribadiamo la nostra posizione che non è affatto contraria allo sport, ma riteniamo che questo debba aiutare a preservare la vita e che debba inserirsi nei contesti paesaggistico-naturali limitando quegli impatti che concorrono ad impoverire i valori naturalistici che sono propri di un'area verde pregiata come quella del Parco Alessandrino/Tor Tre Teste. Siamo infine convinti che lo sport possa contribuire alla rinascita e alla riqualificazione di aree fortemente antropizzate e degradate, pertanto riteniamo che la soluzione migliore sia quella di spostare il cantiere e realizzare il playground nel sito da riqualificare indicato dai cittadini e dal coordinamento popolare, anche a nome degli esseri viventi che hanno piume, penne, corazze, ma non hanno voce per reclamare i propri diritti.









1 commento:

  1. NOOOOOOOOOOOOOOOOO ANCORA CEMENTO ? L'AMBIENTE NON SI DEVE DISTRUGGERE. CHE RESPIRIAMO CEMENTO PRT DISTRUGGERCI ? FARE SCOMPARIRE L'INIZIATIVA CONI FATTA SOLO PER SPECULARE.

    RispondiElimina